martedì 18 aprile 2017

Le sorprese di Alessandria d'Egitto

Uno degli oggetti rinvenuti nello scavo
(Foto: english.ahram.org.eg)
Gli archeologi del Ministero delle antichità egiziane hanno scoperto una serie di reperti greco-romani durante degli scavi nella zona di Babour El-Maya, in Alessandria d'Egitto.
Mahmoud Afifi, responsabile del Dipartimento delle antichità egiziane del Ministero delle antichità, ha affermato che gli scavi, effettuati su richiesta di un residente di Alessandria d'Egitto, è stato effettuato in un luogo chiamato Villa Agion, dove deve essere eretto un edificio residenziale. Afifi afferma che secondo la legge egiziana, il Ministero delle antichità deve ispezionare qualsiasi luogo edificabile, per accertarsi che non vi siano reperti archeologici.
Mostafa Roshdi, direttore generale delle antichità di Alessandria d'Egitto ha dichiarato che gli archeologi hanno riportato alla luce una collezione di vasi di terracotta, monete, ossa e lampade di argilla risalenti al periodo ellenistico e bizantino. E' stato scoperto anche un pavimento in granito nero di età greco-romana, che apparteneva ad una stanza con le pareti rivestite di intonaco. Gli scavi sul sito sono ancora in corso.


Fonte:
english.ahram.org.eg
Posta un commento

La straordinaria villa romana di Positano

Uno degli affreschi della villa romana di Positano (Foto: Beacon) Positano , per la sua bellezza e la sua posizione geografica, divenne...